La Valmarecchia Hybrid legna pellet biomassa




Definizione della Biomassa

La "Biomassa" utilizzabile ai fini energetici consiste in tutti quei materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili ovvero trasformati in combustibili solidi, liquidi o gassosi.

 

Si definisce biomassa qualsiasi sostanza di matrice organica, vegetale o animale, destinata a fini energetici o alla produzione di ammendante agricolo, e rappresenta una sofisticata forma di accumulo dell’energia solare.

Sono quindi biomasse, oltre alle essenze coltivate espressamente per scopi energetici, tutti i prodotti delle coltivazioni agricole e della forestazione, compresi i residui delle lavorazioni agricole e della silvicoltura, gli scarti dei prodotti agro-alimentari destinati all’alimentazione umana o alla zootecnia, i residui, non trattati chimicamente, dell’industria della lavorazione del legno e della carta.

L'ECONOMICITA' DI UTILIZZO è uno dei punti forti della stufa  LA VALMARECCHIA.
Ciò è dato dalla possibilità di impiego nella stufa di legna, pellet o biomassa 


Come accendere correttamente la stufa 

  Quello di accendere il fuoco è una rituale tanto antico quanto rilassante. Creare calore per la propria casa è un piacere che ci riporta agli albori della civiltà umana. Non è difficile, ma bisogna saperlo fare nella maniera corretta, rispettando l’ambiente, evitando di creare troppo fumo e di sprecare inutilmente combustibile. Per questi motivi è stato creato il progetto europeo per la qualità dell’aria  “Brucia bene la legna, non bruciarti la salute”, che si concentra sul corretto utilizzo della legna da ardere. Di seguito tutte le linee guida.

Accendi il fuoco dall’alto



La migliore tecnica per accendere il fuoco è l’accensione dall’alto, perché riscalda in minor tempo la stufa, bruciando i gas che altrimenti verrebbero rilasciati nell’atmosfera (o peggio, nella stanza). Per accendere il fuoco dall’alto la legna va disposta collocando in basso i pezzi di maggiori dimensioni e via via quelli di minori dimensioni, avendo comunque cura di non sovraccaricare il focolare. Usa gli accendifuoco (ne esistono anche di ecologici) e pezzetti di legna più piccoli e spaccati, disposti a castelletto sopra i pezzi di legno più grandi. In questo modo la combustione procede più lentamente ed è più controllata.

Usa i combustibili giusti



La legna da combustione perfetta dovrebbe essere stoccata in un luogo asciutto e ventilato per almeno due anni prima di essere bruciata, e portata in casa un giorno prima del suo utilizzo. In alternativa, puoi acquistare legna già essiccata. La legna brucia meglio quando è spaccata. La qualità della legna può essere certificata secondo la norma UNI EN 17225-5. Ricorda di portare in casa la legna il giorno prima del suo utilizzo. Se bruci materiali diversi dalla legna (per esempio, giornali o riviste, cartone, tetrapack, fogli plastici), inquini l’ambiente e danneggi la salute tua e degli altri. Non usare pezzi di mobili: anche se non si vede la vernice, sono generalmente trattati con sostanze pericolose se bruciate. Per lo stesso motivo evita di impiegare cassette e bancali, che possono avere colle inquinanti e viti o chiodi che potrebbero danneggiare la tua stufa. Ricorda inoltre che le stufe non sono inceneritori, bruciare rifiuti danneggia l’ambiente e costituisce un reato di smaltimento illecito.

Gestisci correttamente la combustione



Importantissima, oltre alla scelta dei combustibili e della tecnica di accensione, è la corretta gestione del focolare. La produzione di inquinanti aumenta in caso di continui spegnimenti e accensioni del focolare. Carica nuova legna quando si è formato un letto di braci, non mentre vi è ancora la fiamma. Lascia sempre spazio tra legna e pareti del focolare perché l’aria comburente possa circolare. Per ridurre la quantità di calore, bisogna ridurre la quantità di legna caricata, non ridurre l’ingresso di aria, perché si genera più inquinamento. Un fumo scuro e denso in uscita dal camino è segno di una combustione non corretta e più inquinante. Una buona combustione produce fumi quasi invisibili all’uscita del camino, nessun odore sgradevole, poca fuliggine, cenere fine bianco-grigia, fiamma da blu a rosso chiaro. Se senti odori strani provenienti dalla combustione della legna, significa che la combustione non è corretta o non si sta usando legna vergine.

Fai pulire la canna fumaria

La manutenzione periodica della canna fumaria permette di prevenire incendi che possono riguardare anche parti dell’abitazione: secondo i dati dei Vigili del Fuoco, ogni inverno in Italia ce ne sono circa 10 mila. L’autocombustione della fuliggine depositata nella canna fumaria può portare la temperatura all’interno del camino a più di 1000 gradi centigradi. Secondo gli esperti la pulizia della canna fumaria andrebbe fatta almeno una volta l’anno, ma se la si usa frequentemente è meglio farla ogni sei mesi.

Le stufe La Valmarecchia raggiungono altissime temperature ed hanno una elevata resa, oltre il 90%. 
I fumi girando nel condotto in acciaio inox di alto spessore riscaldano il materiale di accumulo in sasso  ed il materiale di rivestimento
UNICA NEL SUO GENERE
LA NUOVA STUFA AD ACCUMULO IDRO

LA VALMARECCHIA E L'AMBIENTE


Quando acquisti un apparecchio a legna, puoi ridurre molto le emissioni inquinanti comprando un apparecchio efficiente e moderno, che inquina molto meno di quelli obsoleti o di scarsa qualità: una vecchia stufa può superare i 700 mg al metro cubo di polveri sottili, una stufa  di nuova generazione può stare addirittura sotto i dieci milligrammi. Ecco perché AIEL ha lanciato Rottamare ed Educareil piano nazionale per incentivare a sostituire gli apparecchi di riscaldamento domestico obsoleti con tecnologie avanzate: Per i nuovi apparecchi è stata definita una classificazione, da 1 a 5 stelle, sulla base dell’efficienza e delle emissioni inquinanti. In alcune Regioni (Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna), esistono divieti di installazione e utilizzo degli apparecchi più vecchi e obsoleti. Controlla che il tuo apparecchio non sia fra quelli già oggetto di divieti. Ricorda infine che una efficace riduzione dei consumi e delle emissioni si ottiene coibentando le abitazioni e con altri interventi che migliorino l’efficienza energetica. La legna è una fonte rinnovabile e non deve essere impiegata per alimentare lo spreco energetico. Per questo puoi anche avvalerti degli incentivi e delle detrazioni fiscali previste.
 

Stufe La Valmarecchia Certificazioni 4 stelle e 5 stelle 



Vuoi saperne di più?



Il nostro staff sarà disponibile per darti maggiori informazioni e per valutare con te la soluzione più adatta al riscaldamento di casa tua! Naturalmente senza impegno.
rivenditore autorizzato

DIADEMATECH s.r.l.s.
 
 

 

TECNOLOGIE E VALORIZZAZIONI
DELLE ENERGIE RINNOVABILI E DELLE BIOMASSE

tel ++380 796 69 54 - mail: info@diadematech.net

LE MIGLIORI MARCHE SUL MERCATO TESTATE DAL GARANTE PER L'ENERGIA